Torna ai metodi applicativi

Insufflazione Vaginale

L’insufflazione vaginale di ozono è usata per problemi dell'area riproduttiva femminile.
Si tratta di un metodo che rispetta la privacy delle pazienti che possono essere istruite su come eseguire personalmente la somministrazione.

Infatti non è richiesta alcuna preparazione particolare e può essere eseguita autonomamente nel gabinetto medico.

Una volta somministrato il gas si diffonderà nell'utero, nelle tube e parzialmente anche nella cavità addominale. Ciò consente anche di stabilizzare eventuali foci infiammatori a livello pelvico ed anche epatico.

Tecnica per l’insufflazione vaginale

" Inserire un catetere vaginale lubrificato e pulito direttamente collegato al generatore di ozono regolato su un flusso di 10 ml/min.”

" C'è una prima sensazione di bruciore che, se troppo fastidiosa, richiede l’interruzione del trattamento che può essere eseguito dalla stessa paziente”

"L’insufflazione può essere anche eseguita con siringhe consegnate alla paziente e dotate di catetere lubrificato”

La tecnica trova indicazione anche in patologie delle mucose vaginali e dell'endometrio:
- Vaginiti;
- Erosioni della portio (piaghetta);
- Endometriti/osi;
- Dismenorree.