Torna ai metodi applicativi

Acqua ozonizzata da bere

Ozono

L’acqua ozonizzata è utile in diverse condizioni di tipo infiammatorio sia locali che sistemiche.

L’ozono è parzialmente solubile in acqua con una vita media di circa 30 minuti dalla preparazione.

La concentrazione di ozono tende quindi a diminuire rapidamente soprattutto in climi caldi e alle alte temperature.

Alcuni erogatori hanno preinstallato un serbatoio con un programma automatico che consente una buona ozonizzazione producendo una miscela liquida sterile che può essere utilizzata localmente per ferite o ulcere ma anche assunta per bocca.

Indicata nelle diverticoliti e in altre infiammazioni intestinali come coadiuvante alle comuni terapie farmacologiche.

In questo trattamento si sfrutta la proprietà ossidante dell’ozono, e quindi dell'acqua ozonizzata, che induce l’inattivazione di molti microorganismi responsabili di patologie infettive acute e croniche. Utile nella gastrite, nell'ulcera, nelle malattie croniche dell'intestino crasso, nelle duodeniti, ecc.

Si possono inoltre eseguire sciacqui della vescica nelle cistiti croniche e lavaggi vaginali per infezioni.

Si può usare l'acqua ozonizzata per curare ferite e funghi.

Se bevuta è utile nelle patologie della bocca e dei denti come stomatiti e parodontosi.